Cerca altre notizie di husky nel web:

giovedì 8 settembre 2011

Cura del pelo del Siberian Husky: le spazzole.

Furminator ottima per rimuovere peli e ridurne la perdita
Un doppio manto richiede doppia cura? Beh nel Siberian Husky la situazione non è drastica come quella del barboncino. L’Husky richiede la spazzolata, ma non fa nodi. Una bella lavata ci vuole, ma basta un panno umido. Una volta la settimana basta per mantenere il pelo curato. Più attenzione è richiesta durante la muta con spazzolate tutti i giorni.

Vediamo le spazzole che non devono mai mancare, particolarmente indicate per i due tipi di pelo che si ritrova l’husky.

Il primo è il Furminator di recente creazione. Si tratta di una spazzola a denti molto stretti e piccoli. Il suo uso è consigliato a cani e gatti aventi il sottopelo.

Cito un sito che ne parla così:
Riduce la perdita di pelo fino al 90%, rimuovendo il sottopelo e i peli morti senza danneggiare il pelo di copertura. Risultati ottimali su cani e gatti a pelo lungo o corto provvisti di sottopelo. Stimola gli oli naturali presenti nel mantello dell’animale per un effetto sano e lucente. Riduce il numero di particelle presenti nell’aria che possono indurre reazioni allergiche.
Aiuta ad eliminare i boli di pelo nei gatti

Ho provato il Furminator sugli husky, sui gatti, sui cani a pelo corto e onestamente devo ammettere che funziona. Non so se stimola davvero gli oli naturali, ma ripeto: è utilissimo! Esistono due tipi: quello per pelo corto e quello per pelo lungo. Entrambi vanno bene per l'husky, in particolare per il pelo corto perché toglierà il pelo da guardia morto, più difficile da rimuovere con gli altri pettini.

La consiglio perché:
-Riduce la perdita di pelo. La muta non sarà più un mostro così cattivo (ma non ingannatevi, la muta continua lo stesso eh).
-Facile da usare, con una spazzolata si toglie tantissimo pelo.
-Nell’husky riesce a eliminare il pelo di guardia.

Note dolenti:
-Il prezzo va dai €12 ai €20 (mentre quella originale anche 40€), un po’ cara ma ne vale la pena. Non è una spazzola fragile, dunque i soldi verranno spesi bene.
-Attenzione all’utilizzo. La si usa verso la direzione naturale del pelo. Mai usarla a contropelo, in diagonale o passarla troppe volte nella stessa zona. Se usata in modo errato strappa e rovina il pelo del cane/gatto. Non necessita di una passata forzata, basta essere leggeri per avere un ottimo risultato.
-Il pelo che tira via non viene raccolto dalla spazzola, perciò vi ritrovate con batuffoli di pelo sul cane, su voi, a terra, a fare mulinelli aria…
Pettine a rastrello per sottopelo
Il secondo è un pettine indicato per il sottopelo e soddisfa tanto quanto il Furminator soddisfa con il pelo di guardia. Si chiama pettine a rastrello, lo si riconosce dai denti spessi alla base e più fini in alto.

Il rastrello è molto maneggevole, non richiede forza nell’essere usato e cosa importante: può essere passato come lo si vuole senza rischiare di strappare il pelo. Rimuove il sottopelo con estrema facilità da tutte le zone. Lo consiglio vivamente. Altra cosa che ho notato del rastrello è che lascia il pelo particolarmente morbido, avendo eliminato il sottopelo morto. Non tocca il pelo di guardia. 

Attenzione! Qualsiasi spazzola utilizzate, questa in particolare, state molto, molto attenti ai capezzoli del cane, maschio o femmina che sia. Se accidentalmente dovreste graffiarli, o peggio tirarli via, oltre al dolore che provocate al vostro amico, rischiate di provocarli una reazione di paura contro le spazzole (e in quel caso addio spazzolate).
Spazzola Cardatore molto diffusa contro i nodi (ma noi la usiamo per altro)

Infine non deve mancare il cardatore, una spazzola con denti larghi, a volte incurvati. Ce ne sono moltissimi in commercio: dai denti di ferro a quelli in plastica, da denti più lunghi a quelli più stretti, più o meno incurvati. Quelli che possiedo io sono uno con denti in ferro e l’altro uguale a quello della prima foto del cardatore (spazzola rossa). Personalmente mi sono trovata meglio con il secondo, molto più morbido nei passaggi e non graffia la cute del cane (soprattutto se in muta).
Cardatore denti di ferro
A cosa serve il cardatore? Spesso lo si usa per rimuovere i nodi. In realtà io lo uso per diversi scopi: eliminare il sottopelo perché a differenza del Furminator e del rastrello non crea batuffoli di pelo che si appiccicano ancora sul cane, ma li raccoglie e si tolgono manualmente. Tuttavia ne toglie poco e richiede moltissime passate, perciò lo uso alla fine del lavoro, per togliere gli ultimi peli scampati alle prime due spazzole. Secondo utilizzo: rimuovere lo sporco, soprattutto fango che quando secco va via facilmente con il cardatore senza strappare il pelo. Terzo e utilissimo utilizzo: pompare il pelo del cane. Lo uso a contropelo perché non lo strappa e una volta che il pelo sarà tornato da solo al suo posto noterete un pelo più soffice e non più appiattito (l’effetto dura solo qualche giorno).

Ho avuto anche diverse altre spazzole, ma non hanno retto il confronto con queste tre. In caso voi ne utilizziate uno che non ho citato, scrivetelo nei consigli. 

Ecco come pettino i miei cani:
Comincio con il Furminator, dalla testa fino alla coda. Questa spazzola non graffia per niente la cute e rimuove persino il pelo morto lungo le zampe. Per facilitare l’operazione nelle zone con più pelle, per esempio sul garrese (le spalle dei arti anteriori), prendo il pelo del collo e lo tiro verso la testa del cane (cioè tiro la pelle in modo che si appiattisca nella zona da spazzolare). Stessa cosa lungo i fianchi, qui prendo la pelle sul dorso e la tiro verso il fianco destro del cane per spazzolare il sinistro o viceversa. Spero che abbiate capito l’operazione. Mai passarla in contropelo, mi raccomando. Certa gente ha lasciate brutte strisciate sui fianchi dei cani perché hanno sbagliato. Attenti infatti, sui fianchi il pelo cresce in diagonale dal garrese scende verso le zampe posteriori. Non cresce in orizzontale come si può pensare.
Per notare la posizione del garrese
Finito con il Furminator utilizzo il rastrello. Con questo mi posso sbizzarrire perché non strappa il pelo. Particolare attenzione va ai denti di ferro abbastanza duri da far male al cane. Quindi va bene la spazzolata energetica, ma senza pressare troppo o dare botte quando la si appoggia sul pelo. Meglio evitarla sulla pancia per non rischiare di tirare via i capezzoli. Se si tira la pelle nelle zone da pettinare il risultato sarà migliore.

Quando il pelo di guardia è stato tirato con il Furminator e il sottopelo con il rastrello noteremo sicuramente un aspetto più sano nel nostro cane. Il pelo morto è andato via, quello rimasto adesso è soffice e anche lucido se il cane segue una giusta alimentazione. Ma, tasto dolente, si è appiattito. Dunque usiamo il cardatore.
Notate la presentazione di questo cane all'expo. (dell'All. Ferrier Nathalie)
Io comincio a passarlo nella direzione del pelo, finito questo lo passo al contrario. Inizio dal posteriore verso la testa, seguendo anche qui la direzione giusta. Per esempio sui fianchi non si passa a contropelo iniziando da giù verso su, ma dalla pancia accanto alla coscia posteriore verso l’alto in diagonale fino al garrese. Il pelo adesso risulta rizzato in aria, possiamo sistemare le parti più disordinate con leggere passate di spazzola e il gioco è fatto. (Bellissimo il collo con il pelo in aria).
Questa operazione non è né obbligatoria e nemmeno di uso comune. Si tratta di una piccola tecnica per rendere il cane più pompato che fa il suo figurone (per esempio nelle esposizioni), ma il figurone lo fa anche per voi e questo è soddisfacente.
Per raggiungere questo risultato ci vuole molto più delle spazzolate :P
Finito. Un ultimo consiglio che mi sento di darvi è semplice: se spazzolate spesso avrete meno lavoro da fare, se non lo fate mai dovrete starci una buona oretta. Durante la muta è normale che il pelo continui a cadere anche dopo diverse spazzolate, non preoccupatevi.

13 commenti:

  1. Buongiorno, complimenti per l'articolo molto completo e interessante.
    Ti faccio alcune domande:
    1 - Ricordo di aver letto un libro che diceva che per i cani, la cura del pelo in questo modo è un evento che vivono molto bene, che gli fa piacere. Secondo te con il nostro amico siberiano è così?
    Gli piace? O semplicemente sopporta??


    2 - Hai scritto "Durante la muta è normale che il pelo continui a cadere anche dopo diverse spazzolate" quindi anche se io ogni mattina durante la muta spazzolo bene il cane, alla fine continuerà a perderli i peli?? Su questo punto sono proprio confuso, c'è chi dice che basta spazzolarlo una volta al giorno e la muta non è un problema, poi invece incontro persone che mi dicono che la muta è praticamente tutto l'anno e l'husky perde il pelo sempre, fino a creare problemi anche ai vicini di casa :0

    GRAZIE!! :)

    RispondiElimina
  2. Allora, per il primo punto dipende dal cane. Uno dei mie Husky ama così tanto le spazzolate che alla vista dei pettini si sdraia a terra contento. Sì, lui vive la spazzolate come se fossero coccole, un'attenzione particolare per lui. Gli altri sopportono perché preferiscono scorazzare nel giardino piuttosto che rimanere lì immobili, ma non scappano. Con loro mi adeguo: prima li lascio sfinire e poi mi metto a lavoro :) Starà a te abiutare il cucciolo fin dall'inizio. Dovrai fargli vivere una bella esperienza (puoi aiutarti con una ricompensa se sta fermo e si lascia pettinare)
    Per quanto riguarda la muta se il cane è pettinato tutte le mattine non perderà pelo per quel giorno e se sei fortunato anche il successivo (e comunque non perderà quantità industriali se pettinato regolarmente). Dipende anche dalla genetica: un cane selezionato difficilmente perde pelo, sopratutto quando non è in muta (esperienza personale). Un cane di dubbia provenienza, oltre ad avere un manto errato, perde i peli tutto l'anno :)

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti...
    ho un Husky (l'ultimo di una lunga dinastia cresciuta da me) e ho notato che in alcuni punti il pelo bianco si è ingiallito.
    Sapreste suggerirmi qualche metodo per "sbiancarlo"?
    Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giallo indica sporcizia di solito (o l'esposizione al sole, fango...) io risolvo con una bella lavata anche con più passate utilizzando shampoo adatto ai cani (neutro) che ha effetto sulla sporcizia (piuttosto che lo sbiancante). Prova così, se non dovesse funzionare acquista una shampoo professionale (tipo uno della 1allsystem) :) i lavaggi possono essere anche più frequenti, sopratutto durante i periodi di muta :) Fammi sapere^^

      Elimina
  4. la mia husky... non ha mai amato farsi spazzolare.. piano piano pero' si sta abituando.Per non parlare del bagno, li cerca di scappare addirittura... come potrei fare per riuscire a lavarla tranquillamente???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dovevi abituarla da piccola. Ormai quello che ti resta da provare con tanta pazienza è abituarla. Devi stare molto attento/a a non fare ciò che le porta fastidio. Rendi il momento del bagno e della spazzola piacevole e mai il contrario. Ai miei cani, quando dimostrano stress o comunque si capisce che non stanno certo godendo, cerco di usare toni dolci come "ma che sei bella, ma che sei bravo, oooh che bello!" così li tranquillizzo con una voce dolce e tranquilla. In secondo luogo non faccio nulla che possa portare più fastidio (strattoni, costrizione, urla, perdita di controllo) ma anzi cerco di far diventare il tutto un gioco. Anche se scappa faccio finta di niente. Durante tutto ciò, in quei momenti in cui sta calmo/a regalo dei premi. Così ottengo la collaborazione e, cosa più importante, faccio in modo che il cane pensa che quello sia un momento piacevole, di coccole! Prova così e se hai ancora difficoltà cercami ancora^^

      Elimina
  5. Ciao, complimenti per il blog!
    La mia husky sta iniziando la muta, io solitamente ho sempre usato una spazzola stile cardatore, e dopo la spazzola il guanto per raccattare i peli rimasti attaccati sul dorso.
    Penso proprio che seguirò i tuoi consigli comprando tutte quelle spazzole che sembrano essere molto efficaci, però la mia domanda è: quando va usata l'una, e quando l'altra? Alternando giorni? Ad esempio oggi la Furminator e domani il cardatore? Non credo sia possibile utilizzare, in ogni singola "seduta" di spazzolatura tutti e tre, anche perchè la mia husky dopo 10 minuti inizia ad innervosirsi e a mordicchiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella che ti consiglio è il rastrello, il primo di tutti. Non rovina il pelo e lo puoi usare anche tutti i giorni. Con il furminator ci andrei con calma perché se usato erroneamente rischi di strappare i peli. Il cardatore va bene per rimuovere peli, ma reputo più efficace il rastrello. Quando ho tempo io inizio con il rastrello (pettinate vigorose), poi passo per poco il furminator e infine il cardatore. Ripeto però che il rastrello di per se basta e avanza.. tanto l'indomani si deve rifare tutto eh eh eh

      Elimina
    2. La mia husky ha il pelo corto...Il rastrello va bene ugualmente, giusto?

      Elimina
    3. Se ha il sottopelo sì, altrimenti va bene il furminator.

      Elimina
  6. Ciao! Ho un husky di 2 mesi e mezzo che sta perdendo a ciuffi molto pelo bianco. Con cosa e' preferibile spazzolarlo? Grazie e complimenti per il blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il cardatore o il rastrello. In quest'età perdono il pelo da cucciolo per avere quindi quello da grande :)

      Elimina
  7. Ciao Taigra! Sono confuso... Hai detto che esistono due tipi di Furminator: quello per pelo corto e quello per pelo lungo e che entrambi vanno bene per l'husky, ma in particolare il furminator per il pelo corto... Perché? Non dovrebbe essere il contrario? Non dovrebbe essere il furminator per il pelo lungo il migliore?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Condividi: