Cerca altre notizie di husky nel web:

venerdì 17 febbraio 2012

1. Arriva il cucciolo! - Dove prenderlo

Box di una pensione o allevamento
La ricerca di informazioni avviene soprattutto prima dell’acquisto del cucciolo, ma non bastono per prepararci all’evento in se. Per questo motivo ho deciso di aprire una rubrica contenente una serie di articoli sui primi passi con il cucciolo.

Inauguro la rubrica “arriva il cucciolo” con qualche informazione su dove prenderlo. Anche se ne ho già parlato spesso in vari articoli come “cuccioli in regalo”, “comprare cucciolo da un allevatore serio”, “comprare un cucciolo da un privato”, “acquistare il cucciolo in negozio”. Dunque qui riassumo parole già scritte.

Chiediamoci intanto cosa vogliamo. La razza, il sesso, il colore sono scelte secondarie. Domandiamoci invece se vogliamo un husky vero o ci basta quello che gli somiglia (pedigree o senza pedigree), se deve camparci 15 anni (esente da malattie genetiche) o meglio affidarsi alla fortuna. Se vogliamo correre il rischio di un cane poco equilibrato o piuttosto buonissimo. Per carità, anche una domanda tipo “voglio farmi fregare o faccio il furbo?” non sarebbe male da porsi.

La fantomatica domanda sul denaro, al contrario,  non dovrebbe nemmeno esistere. Perché non andiamo a prendere un peluche. Un cane dovrà pur essere campato in qualche modo, quindi se non abbiamo nessuna voglia di spendere 500€ per un cucciolo (che sono pure pochi), figuriamoci se l’indomani il nostro cane avesse bisogno di un’operazione che costa 800€. In futuro saresti disposto a spenderli o lo lascerai morire perché non hai soldi? Ecco allora non prenderlo affatto.

Vediamo dove si possono comprare/ottenere un cucciolo con i pro  e contro di ciascun luogo.

L’allevatore riconosciuto ENCI e FCI.
Quelli con l’affisso sono riconosciuti dallo Stato come allevatori e l’Enci o la Fci potrebbe controllare e verificare lo stato dell’allevamento, l’effettivo svolgimento di un’accurata selezione, chiedere le certificazioni degli esami eseguiti sulle malattie genetiche e così via.
Miglior gruppo in una esposizione di bellezza
Pro
L’allevatore riconosciuto ha come obbiettivo quello di salvaguardare la razza di cui si occupa. Dunque farà in modo che tutti i suoi esemplari siano tipici della razza, sani, belli, di ottimo carattere e il più simili possibile allo standard. Per questo motivo effettua una selezione, cioè togliere dalla riproduzione tutti quei soggetti che non hanno le caratteristiche giuste (coda sbagliata, carattere aggressivo, malati). Eseguirà controlli e esami sui propri soggetti per portare avanti (con la riproduzione) solo quelli esenti da malattie genetiche, così facendo farà nascere cuccioli con un’altissima prospettiva di una vita lunga e senza malattie. Altro compito che ha è quello di portare i propri soggetti alle esposizioni di bellezza (nel caso di husky) riconosciuti dall’enci (quindi non quelli amatoriali). Nelle esposizioni i suoi soggetti vengono valutati esteticamente (morfologia, muscolatura, forma degli occhi, dentatura, movimento). I giudizi delle esposizioni riveleranno la qualità dei suoi soggetti.

Contro
Il furbetto c’è sempre e dovunque e sarà quello a cui interesseranno i soldi e non i cani. Costui approfitterà del proprio affisso Enci per vantarsi della qualità dei suoi cani, ma avere un affisso e poi riprodurre ottimi cani non è la stessa cosa. In pratica l’affisso non è una garanzia. Soprattutto perché i controlli dell’Enci non sono frequenti e anzi pare che quasi non esistano. Dunque sì, esistono cagnari belli e buoni che vendono sì, cani con il pedigree (ma a volte anche falsi e provenienti dall’est), ma se poi non vengono controllati per le malattie (gli esami costano) allora la selezione è praticamente inesistente.
L’allevatore riconosciuto ma NON serio, avrà sicuramente più di due razze allevate (guarda caso quelli che sono di moda). Avrà moltissime cucciolate all’anno, anche degli stessi soggetti. Mentre un allevatore serio ne avrà due, al massimo tre. Il prezzo dei suoi cuccioli sarà sempre inferiore rispetto ad altri allevamenti (ovviamente perché tanto ci guadagna lo stesso).

Qualità del cucciolo.
Considerando solo l’allevatore serio, avremmo un cucciolo molto tipico, con pochi difetti. L’estetica sarà sicuramente delle migliori. Il carattere sarà equilibrato, ne timido e mai aggressivo ne con umani e nemmeno contro altri cani. Il pedigree è d’obbligo in quanto un allevatore riconosciuto ha il divieto assoluto di accoppiare cani senza pedigree (se l’allevatore ha anche cani senza pedigree scappate via, vuol dire che pensa ai soldi e non a salvaguardare la razza). Dovrebbe essere esente da malattie genetiche, quindi non rischierete di vederlo paralizzato o cieco a cinque anni. Ricordate però che trattiamo di esseri viventi e la natura riesce sempre a fare il suo nonostante l’impegno dell’allevatore. Quindi sì, purtroppo succede che un cane esca malato o con difetti se pur da genitori esenti e sanissimi (ma questa è proprio sfiga, non negligenza).
Cuccioli allevamento Ayuka's
Stato del cucciolo.
All’acquisto l’allevatore ci darà il cucciolo dopo i suoi 60 giorni di vita, mai prima. Si occuperà lui stesso di: sverminazione, svezzamento, primi due vaccini, microchip, denuncia del pedigree.

Prezzi.
Il lavoro che sta dietro alle cucciolate è così lungo e costoso che l’allevatore avrà davvero poco guadagno dai cuccioli. Dunque quel che si paga è la qualità del soggetto, se per esempio è figlio di campioni di bellezza vuol dire che ha ottime probabilità di diventare un cane tipico di razza. Si paga la selezione, cioè lo studio della genetica dello stallone e fattrice (papà e mamma), la loro compatibilità sanguigna, il loro stato di salute, l’intera discendenza e la qualità di questi. Si paga lo stato di salute cioè tutti quei esami e controlli sui genitori affinché i cuccioli fossero sani. Nel prezzo è poi compreso il mangime di altissima qualità, le cure mediche della mamma e dei cuccioli, i vaccini e le sverminazioni. Insomma tutto il lavoro che l’allevatore ha eseguito per far nascere e crescere al meglio questi cuccioli.

Alla fine i prezzi si aggirano dagli 800€ ai 1500€ e a volte persino 2000€. In realtà poi è facile trovare prezzi come 1000€ o 1200€, più rari i 1500€ e oltre. Prezzi alti sì, tuttavia oltre a essere giustificati c’è da considerare che i cuccioli a volte non sono nemmeno nati all’atto della prenotazione. Ciò ci da almeno 5 mesi per raggiungere quella somma in tutta comodità.

L’allevatore amatoriale.
Per amatoriale s’intende qualcuno che fa questo lavoro per hobby e specialmente quando ha già un primo lavoro e alleva una razza solo per il gusto di farlo. Non essendo riconosciuto ENCI/FCI non è soggetto ad alcun controllo e non è tenuto quindi ad avere solo cani razza. Quasi, se non tutti, allevatori riconosciuti sono stati a loro volta amatoriali in quanto per richiedere l’affisso è necessario avere già qualche soggetto e aver eseguito due cucciolate di razze da fattrice diverse (con pedigree). L’allevatore amatoriale non è un titolo, è solo una parola che distingue un privato con tanti cani che vengono accoppiati spesso, da un privato che ha pochi cani che accoppia ogni tanto.
Allevamento Amatoriale Anystar
Pro
Se si tratta di qualcuno che aspira all’affisso, pur essendo senza controlli o regole, lavorerà come se fosse già un allevatore riconosciuto “serio”. Quindi ho poco da aggiungere.
In caso sia un allevatore per hobby, quindi non aspira all’affisso, ma ama i suoi cani e nel suo piccolo vuole salvaguardare la razza, lavorerà come un allevatore serio. Farà sicuramente poche cucciolate, ma si preoccuperà di farle bene.

Contro
Se invece è uno che pensa solo a guadagnare avrà tantissimi cani, anche di molte razze diverse. I suoi esemplari saranno scadenti, con poche qualità della razza di appartenenza e possibilmente sprovvisti di pedigree. Non controllerà nessun soggetto per malattie genetiche. I suoi cani non avranno il pedigree. Possibilmente avrà due cani per ciascuna razza, maschio e femmina che verranno accoppiati ogni sei mesi per garantire la presenza di cuccioli che richiede il mercato in modo veloce e semplice. Non essendo riconosciuto Enci non avrà alcun controllo sul suo lavoro e nemmeno alcun obbligo.

Qualità del cucciolo.
Se l’allevatore è quello per passione, la qualità dei suoi cuccioli sarà medio - alta. Media perché non sarà un esperto come un allevatore che fa questo mestiere da una vita o a cui comunque dedica dieci ore al giorno. Ma potremmo comunque trovarci un allevatore amatoriale preparato che ha saputo scegliere soggetti ottimi ed è poi riuscito ad accoppiarli nel modo migliore.

Se l’allevatore è quello che vuole solo soldi, i suoi cuccioli saranno di scarsa qualità, scarsissima. Non saranno stati testati per malattie genetiche, non avranno alcuna bellezza dell’husky che abbiamo sempre visto in giro, avrà difetti molto evidenti, avrà un carattere molto diverso da quello che ci aspettavamo.

Stato del cucciolo.
Anche qui, se tutto è fatto bene lo stato sarà ottimo come se provenisse da un allevamento riconosciuto (compreso vaccini, sverminazioni e così via).

Un allevatore poco serio invece darà via il cucciolo a 30 giorni precisi, cioè appena vede che i cuccioli bevono li da subito via perché altrimenti avrà altre bocche da sfamare (a questa età il latte della mamma non basta più). Ci ritroveremo un cucciolo troppo piccolo per lasciare la famiglia. La conseguenza sarà un cane poco equilibrato, con gravissimi difetti caratteriali (troppo timido, troppo aggressivo, con difficoltà a rapportarsi con gli altri cani, mordace anche se solo per gioco e così via) questo perché il secondo mese di vita è fondamentale per la crescita mentale del cucciolo (a cui contribuisce la mamma e i fratelli).
Il vizio più ricorrente dei cuccioli tolti troppo presto dalla mamma: mordono per giocare
Prezzi.
Dai 200€ ai 1200€ (approssimativi).
A 200€ troverete sicuramente un cane senza pedigree, di scarsissima qualità. Un prezzo così basso rivela il poco, se non nessuno, lavoro sulla cucciolata. In genere è un prezzo stabilito per cuccioli nati da un accoppiamento fatto a caso (cioè prendo maschio e femmina, aspetto che si accoppiano, aspetto che partorisce sola, fa tutto sola e appena i cuccioli mangiano li do via). Oltre alla mancanza di cure, il prezzo basso indica la bellezza dei cuccioli: cioè se prendi un meticcio fai più comparsa. Una persona che non ha speso un euro per questa cucciolata guadagnerà tutto senza aver fatto nulla, nemmeno un vaccino (100% di guadagno, zero spese).

A 500€ si trovano o cuccioli muniti di pedigree (quindi ok, originali), ma senza alcun criterio di selezione, cura, esami. Dunque quello che pagate è solo la sicurezza di avere un cane originale, ma nessuno vi darà la garanzia che sarà un cucciolo bello, tipico, di buon carattere. Dunque soldi che vanno tutti all’allevatore (anche qui 100% d guadagno, 20€ di spese per il richiedere il pedigree).

Cuccioli venduti dagli 800€ in su dovrebbero aver ricevuto tutte le cure e il lavoro da un allevatore serio, con la piccola differenza che la qualità di questi cuccioli è medio – alta ma non al massimo. Qui ci stanno questi prezzi perché le cure, i vaccini, le sverminazioni, gli esami ecc ci sono stati. Siccome non sempre è così, sarebbe giusto conoscere più cose possibili sull’allevatore.

Negozio di animali.
Si tratta delle classiche cucciolate in vetrina del negozio. La domanda è: da dove vengono questi cuccioli? Per regolamento ENCI (che in cinofilia si traduce in legge) i cuccioli che possono essere venduti al negozio sono ESCLUSIVAMENTE quelli provenienti da allevamenti riconosciuti ENCI e FCI.
Bisogna sempre chiedere da dove viene il cucciolo, è illegale nascondere questa informazione
Pro
Sicuramente la vicinanza del negozio. Non saremmo costretti a percorrere kilometri di strada per vedere il musetto che dovrebbe conquistarci, ci basterà recarci al negozio e lì ci sarà l’imbarazzo della scelta. Per non contare che sono già lì belli pronti, senza mamma e fratelli quindi in vendita subito. Poi avremmo anche la garanzia così se ci muore il cucciolo lo cambiamo con un altro (che tristezza).

Contro
Ho appena scritto che in negozio troveremo solo cuccioli comunque provenienti da allevatori seri, riconosciuti e capaci. Sì in teoria però. La triste verità invece è che il negoziante deve pur ricavarci qualcosa dai cuccioli venduti, no? Allora se l’allevatore vende un cucciolo a 1200€ direttamente all’acquirente, perché mai dovrebbe venderlo a 800€ al negoziante che a sua volta lo rivenderà a 1200€? Sarebbe logico se l’allevatore avesse tanti cuccioli e non riuscisse a venderli tutti, ma siccome così non è (anche perché ha 5 mesi per vendere una cucciolata prima ancora che nasca), allora accade che nessun allevatore vende i cuccioli al negozio, non quello riconosciuto (e se c’è non ne ho mai sentito parlare). Allora da dove vengono i cuccioli sempre in vetrina?? Da:

-Allevamenti amatoriali.
Spesso è lo stesso negoziante a far nascere i cuccioli dietro il negozio o nei paraggi della città. Ma per avere più cuccioli li accoppierà spesso e volentieri, senza alcun criterio di selezione, insomma come un cagnaro. Stessa cosa se il negoziante non è un allevatore amatoriale, si appoggerà a uno di quelli che producono tanti cuccioli, di tante razze. L’allevatore amatoriale venderà i  propri cuccioli a 300€-500€ al negozio e noi troveremo cuccioli al prezzo di 800€-1200€. Il guadagno va quindi a questi due tizi ma non certo alle cure dedicate ai cuccioli. Attenzione: questo è illegale.

-Privati.
Ho una cagna, la faccio accoppiare e poi non so a chi vendere i cuccioli. Li vendo al negozio che però se li prende a 100€, massimo 300€ non di più. Li rivende da 500€ a 1200€. In questo caso non solo il negoziante ci guadagna ancor di più, non solo il privato non può assolutamente vendere cuccioli al negozio (con gli annunci sì, in forma privata sì, ma al negozio no), ma un privato beatamente ignorante in materia non avrà mai cura della cucciolata come se fosse un allevatore quindi che diamine di qualità si paga?

-Da cagnari/dall’est
In televisione quando si parla di cani dell’est inevitabilmente si menziona qualche negozio a cui erano destinati quei cuccioli. Per cani dell’est s’intendono cuccioli nati in uno stato le cui norme non tutelano gli animali o per lo meno non sono rigidi come da noi. Senza controlli, gli allevamenti esteri producano cucciolate come se fossero un allevamento di bovini. Si tratta di allevamenti lager, con tantissime femmine messe in riproduzione ogni calore (6 mesi) che non hanno nessuna cura, nessun amore, non una passeggiata. Queste femmine vengono così stressate dalla produzione forzata da morire in giovanissima età (prima dei 5 anni di vita – e poi si dice che la cagna deve partorire almeno una volta!). 
Il traffico dei cuccioli è illegale, ma questo mercato lo si alimenta comprandoli
Producendo così tanti cuccioli senza alcun investimento (al massimo cibo scadente), si ha il 100% del guadagno. I cuccioli vengono venduti persino a  50€ per essere importanti (per esempio in Italia) in condizioni pessimi, anche a soli 20 giorni di vita. L’80% di questi cuccioli muoiono durante il viaggio, gli altri successivamente per malattie contratte in precedenza o dovuti allo stress, ma soprattutto per condizioni disdicevoli (sono pieni di vermi, di cacca e pipì, senza cibo e acqua, a contatto con fratelli già infetti e anche senza vaccini). Tali cuccioli presentono certificati falsi (non solo pedigree falsificati, ma persino i timbri fasulli di veterinari che anzi di fare i vaccini vengono corrotti per mettere solo una firma).

Cuccioli venduti a soli 50€ al negoziante, ma provvisti di presunti pedigree (che noi non abbiamo mai visto e ci crediamo) e di libretti sanitari più fasulli del pedigree (ma noi vediamo la firma e pensiamo sia ok), possono essere spacciati per cuccioli di alta geologia, di purissima razza, di sanissima costituzione con una facilità sconcertante. Vengono quindi spacciati per quello che non sono e venduti a 800€, 1200€ con un guadagno assurdo per il negoziante e i suoi complici.

Privati.
Il privato è colui che ha un cane in casa o due. Noi siamo i privati, cioè coloro che il cane ce l’hanno per compagnia e non per farlo accoppiare, per salvaguardare una razza, per eliminare le malattie genetiche. Al massimo siamo appassionati della razza in questione, ma più spesso siamo ammiratori non certo appassionati. Insomma, il privato in genere produce qualche cucciolata occasionalmente (magari solo una volta o due in tutta la vita).
Cuccioli nati in casa da "amore e affetto"
Pro
Tanto amore. Sicuramente l’amore e tante attenzioni perché è il nostro cane, il nostro cucciolo, anzi cucciola. Accudiamo la mamma con tante calde coperte, puliamo i cuccioli e siccome abbiamo solo questa cucciolata e solo questo cane, daremo il 100% delle nostre attenzioni a lei e figli.

Contro
L’amore però non è intelligenza. Infatti un privato fa accoppiare la propria cagna per motivi un po’ sciocchi, come la famosa credenza che la cagna deve partorire almeno una volta nella vita altrimenti si ammala (caso mai si ammala perché non è sterilizzata e costretta a subire sbalzi ormonali ogni calore senza alcuna ragione). Altro motivo comune è perché si vuole un discendente (mah).  Oppure, come capita spesso, ci si vede i soldi che si potrebbero guadagnare senza lavorare.

Però un privato totalmente ignorante in materia cinofila, spesso crede che la cagna faccia tutto sola e le coccole bastano. Invece no, non per niente l’allevatore è un lavoro riconosciuto dallo stato! Il suo lavoro infatti non è far nascere cuccioli, ma farli nascere belli, sani, equilibrati (un lavoro che inizia prima ancora della monta con il maschio). 

Dunque un privato ha la più pallida idea di cosa sia la selezione (cioè cerco il miglior maschio per la mia femmina e non il vicino di casa)? Sa che la mamma deve essere sverminata prima ancora della monta e prima del parto (altrimenti infetta i cuccioli nella pancia provocando l’aborto di alcuni per poi infettare quelli nati che rischiano a loro volta di morire)? Sa che prima del parto è necessaria un’ecografia (perché se alla fine del parto i cuccioli sono 5, ma ignora che c’era uno sesto credendo sia finito e la mamma muore perché non è riuscita a partorirlo)? Sa che i cuccioli devono essere sverminati a 10 giorni di vita, avere un cibo più proteico per la mamma e quello da svezzamento per i cuccioli? Sa che non può dare via i cuccioli a 30 giorni perché psicologicamente non sono pronti? Insomma, diciamoci la verità: non sa un tubo.
Qualità del cucciolo
Senza le cure menzionate sopra la qualità sarà davvero scarsa. Non solo per quanto riguarda la cura del cucciolo, ma soprattutto per la sua genetica. Non è prodotto da un’accurata selezione, non si sa se è portatore di malattie genetiche. Non è figlio di cani belli e tipici di razza. Anzi, per la maggior parte sono cani senza pedigree, quindi persino meticci. L’unico motivo per cui lo si spaccia per quella razza lì è solo per l’aspetto (ma sempre meticcio resta).

Stato del cucciolo
Senza alcuna cura, nemmeno una sverminazione, lo stato sarà davvero pessimo, anche se nato in casa nella cuccia più morbida e calda del mondo. I vermi, come ho già ribadito, non solo provocano malattie mortali come la gastroenterite, ma eliminano persino l’effetto del vaccino. Il cucciolo non sarà certo vaccino, quindi il proprietario dovrà sverminare in fretta e furia il cucciolo (la gastroenterite colpisce a 40 giorni), ma è anche costretto a ritardare la prima vaccinazione a quando il cucciolo non avrà più vermi (quindi anzi di avere il primo vaccino a 30 giorni, lo farà a 50 un periodo molto pericoloso perché le difese della mamma non ci sono più nel sistema immunitario).

Il privato non potrà permettersi un’intera cucciolata per la casa, dunque venderà i cuccioli a circa 30 giorni provocando così uno stato psicologico immaturo nei cuccioli, come ho già scritto per l’allevatore poco serio.

Prezzi
I prezzi dei privati sono bassi perché tanto ci guadagna al 100% (senza alcuna spesa e nessuna garanzia) quindi vanno dai 100€ ai 400€. Alcuni, avendo il pedigree, li passano a 500/600€ ma anche qui senza cure non vedo perché devono avere tutto questo guadagno gratuito (io lo chiamo rubare). I privati vendono i loro cani per annunci, ai negozi, ai vicini di casa.

Ovvio che poi c’è qualche privato, nel caso di proprietario di soggetti muniti di pedigree (cani però presi in allevamento) che potrebbero capirci qualcosa. Se si tratta di un appassionato vero, che magari non può permettersi tre cani per aprire un allevamento, ma sa molto di cinofilia e soprattutto sa che significa avere cuccioli di qualità, potrebbe vendere i suoi cani a un prezzo più alto ma giustificato qualora si fosse preso cura dei cuccioli.

20 commenti:

  1. La foto dell'husky con orecchie lunghe (dici tu) è il mio husky, io non ti ho dato il permesso di usare la mia foto, per scrivere fesserie, senza prima informarti sul pedigree! sei pregata gentilmente di toglierla, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace averti recato disturbo, tolgo subito la foto.
      Non ho comunque scritto "non è originale", ma che non ha "selezione genetica" che è una cosa ben diversa.
      Ad ogni modo scusa per il disturbo.

      Elimina
    2. mi è venuto un colpo quando ho visto la foto !!! non volevo essere sgarbata, comunque grazie!

      Elimina
    3. Sì immagino, mi dispiace :)

      Elimina
  2. Grande Taigra..grazie per le informazioni molto utili:)))

    RispondiElimina
  3. ciao :) quindi per capire..il cane che dovrei prendere è stato sverminato, microchippato e vaccinato e lo vende a 500 euro (forse 400 secondo la mia proposta)e ha 2 mesi e mezzo..è un venditore amatoriale? posso fidarmi? (sono la ragazza che ti ha mandato poco fa una mail :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sarebbe amatoriale e non si ha la certezza se ci si può fidare oppure no :(

      Elimina
  4. Salve, volevo complimentarmi per il blog, molto interessante direi.. Gentilmente mi potresti indicare un allevamento con tutti i criteri per poter comprare un cucciolo originale al 100%? Grazie anticipatamente per un'eventuale risposta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detta così no eheheh potrei nominarti alcuni dei famosi ma non posso mai garantire per loro. Piuttosto potresti fare qualche ricerca e suggerirmi gli allevamenti che ti piacciono nell'email. Da lì vediamo che impressione ci fanno e ti potrei consigliare :)

      Elimina
  5. Ciao Taigra.
    Sono di nuovo Francesca, scusa se ti scrivo ma volevo sapere se mi sai dare qualche opinione sull'Halloween's Kennel o Casa Rimoldi. O in generale se mi sai indicare qualche buon allevamento in Lombardia o (al massimo) Emilia Romagna.
    Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ho sentito parlare del primo ma non del secondo. In entrambi i casi non li ho mai sentiti nominare per i risultati ottenuti in expo (quindi la qualità dei loro cani). Non posso aiutarti molto perché non ho alcuna esperienza diretta. Piuttosto potresti informarti con loro e spedire la loro risposta a me nell'email. In base alle loro risposte posso aiutarti a farti capire chi dovrebbe convincerti di più :)

      Elimina
  6. Perfetto :) al secondo allevamento ci vado sabato e ci ho parlato per telefono perchè alla mail non ha risposto, il secondo idem ma proverò a sentire anche loro telefonicamente. Ma appena tornerò dalla visita ti faccio sapere cosa mi rispondono :)
    Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah fammi sapere per il secondo perché nel sito non dice niente sui propri cani :)

      Elimina
    2. Ciao mi chiamo Andrea, anche io sono in cerca di un allevamento in zona Lombardia ed Emilia, alla fine l'hai preso il cucciolo? Da che allevamento l'hai preso?

      Elimina
  7. vorrei sapere se ci sonno allevamenti seri nelle Marche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui trovi alcuni di quelli che ho inserito nell'altro blog. Anche se sono lontani puoi chiedere se ti possono consegnare loro il cucciolo, in quanto molti allevatori si rendono disponibili:
      http://siberianhusky-kennel.blogspot.it/

      Elimina
  8. Tenendo in considerazione che sono di Treviso, dove potrei acquistare un husky che non supera gli 800 euro di costo, del quale mi interessa principalmente la genetica e dove ci sua la scelta dei colori. Attendo cortese risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cerca nella sezione allevamenti. In caso contatta comunque un allevatore che ti ispiri fiducia e prova a chiedere di abbassare il costo. Molti allevatori sono disposti a farlo!

      Elimina
  9. Tenendo in considerazione che sono di Treviso dove potrai comprare un husky del quale mi interessa principalmente la genetica che non superiore un costo di 800 euro e che mi dia la possibilità di scegliere i colori. Attendo cortese risposta

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Condividi: