Cerca altre notizie di husky nel web:

martedì 4 ottobre 2011

Capobranco: come diventarlo

Cane dominante uguale guai, difficoltà in famiglia, impossibile da gestire e convivenza disastrosa con il nostro amico. Ma cos’è questa dominanza?

L’uomo vive in famiglia o, allungando il termine, in società. Avrà dunque delle leggi da rispettare in modo che questa famiglia o società possa sopravvivere in pace. Ciascun membro svolge anche un compito ben preciso affinché tale famiglia o società ne possa trarre vantaggio. Abbiamo chi ci procura il cibo, chi pulisce il luogo dove viviamo e chi si occupa di costruire il proprio futuro per poter poi fornire a sua volta un’utilità alla famiglia.

Nel cane la società o famiglia rappresenta il branco e non sempre questi è composto da legami di sangue. Nel branco è necessaria protezione, riparo e cibo. Dunque anche qui avremmo dei soggetti addetti a determinati compiti. Tuttavia questi vengono svolti nella maggior parte dei casi dal capo branco. Costui non sbriga tutto da solo, ovvio, piuttosto è un soggetto non necessariamente forte, ma dotato di una buona dose di intelligenza in grado di comunicare con l’intero branco al fine di coordinarlo.

La dominanza di un cane dunque è la dimostrazione della sua voluta superiorità. Egli infatti pensa che essendo forte e sveglio, in assenza di un capo branco, dovrà esserlo lui stesso. Si prende così la responsabilità di procurare il cibo alla famiglia, dimostrare continuamente di essere forte per non mettersi in discussione, difendere assiduamente da ogni intruso le cose di sua proprietà (intese anche la famiglia umana) dagli estranei (quadrupedi e non).

Avremmo così un cane nervoso, aggressivo e possessivo. Un cane dominante o no che si sente capo branco non chiederà nulla, pretenderà abbaiando fino a quando verrà accontentato. Non sarà per nulla ubbidiente e smetterà di ascoltare ogni nostro richiamo.

Attenzione però, il cane potrebbe sembrare dominante anche quando non lo è affatto. In genere i cani sono felicissimi di non essere capo branco (vedi nervosismo, stress, difesa, dimostrazione di forza) perché eviterebbero moltissime preoccupazioni. In un branco “selvatico” come i cani randagi c’è sempre un solo capobranco e raramente qualcuno si azzarda a metterlo in discussione. Capita che un cane sottomesso si mette in testa di essere migliore del capo branco e cerca di prendere il suo posto e quindi è dominante, ma tutti gli altri non lo fanno perché pensano il contrario o perché stanno bene anche così. In famiglia succede spesso che un cane poco dominante vuole diventare capo branco, questo perché sa con certezza che in famiglia nessuno lo è e si sente obbligato ad arrangiarsi da solo.

In conclusione direi che il cane dominante è quello che mette in discussione spesso chiunque per mostrare quanto sia forte, intelligente e portato ad essere capo branco, tende molto ad aggressività. Un cane poco dominante può comunque avere atteggiamenti dominanti, ma capita soprattutto in mancanza di una figura coerente di capobranco.

Sintomi e conseguenze:
Ne avevo già descritto uno nell’articolo “abbia quando si mangia”. Il cane che si sente capo pretende di mangiare per primo, come nei branchi selvatici veri. La cattiva abitudine nasce dall’orario del suo pasto che molti tendono a sbagliare. Il cane deve mangiare dopo di noi, mai prima. Tu sei il suo capobranco? Allora tu mangi per primo e l’intera famiglia. Quando avete finito e lasciate la tavola toccherà a lui. Inizialmente vi farà dannare abbaiando, qualora avesse già questa abitudine, poi vi farà passare l’appetito guardandovi con occhi super dolci e super tristi e infine, ottenuto il suo pasto dopo il vostro per alcuni giorni, capirà di dover aspettare e lo ritroverete tranquillo a dormire in attesa che voi finiate. Mai cadere nella trappola del bocconcino durante il vostro pasto. Lui non deve toccare nulla, altrimenti non risolvete nessun problema. Al massimo, sparecchiando la tavola, dategli un bocconcino per fargli capire che la pazienza viene premiata.

Montare le gambe dei padroni o la schiena non è sintomi di voglia di sesso, ma una chiara voglia di dominare. Se avete avuto l’occasione di vedere due cani giocare vi sarete resi conto come spesso uno salta sull’altro appoggiandosi sul dorso dell’amico. Tale comportamento di dominanza è reso più chiaro nel momento in cui un cane monta l’altro cane, pur non essendo nessuno dei due in calore e persino dello stesso sesso. Un cane dominante tende spesso a portare la testa alta di fronte altri cani, come a voler sottolineare la sua superiorità.
Evitiamo di ridacchiare durante la monta alla nostra gamba. C’è poco da scherzare su un cane che vi reputa degli incompetenti. Ogni volta che ci prova dite “No” secco e lo allontanate per poi ignorarlo. Se per esempio stavate giocando e lui ha deciso di montarvi, interrompete il gioco, dite no e ve ne andate. Il vostro messaggio sarà: non mi faccio sottomettere da te.

I problemi di dominanza nascono dall’educazione che abbiamo impartito al cucciolo o dall’immagine che gli abbiamo trasmesso di noi. Se ci faceva tenerezza e lo abbiamo viziato spesso e volentieri, dimenticandoci della coerenza, allora non dobbiamo accusare il cane di essere dominante. Fin da cucciolo, anzi soprattutto, è necessaria un’ottima educazione. Diventato grande dovrà dormire nella sua cuccia e non in casa? Dormirà anche da cucciolo, che ci faccia pena o no. Mangerà dopo di noi, non avrà bocconcini fuori pasto, non morderà giocando e così via sono tutte cose da insegnargli da cucciolo.
Perciò di fronte al cucciolo dobbiamo pensare a come lo vorremmo da grande e iniziare fin da subito a educarlo in quella direzione. Non ci sarà un momento giusto per iniziare, il momento avviene quando il cucciolo arriva a casa nostra.

Il gioco mette insieme diversi atteggiamenti di un cane. Quando sono in due a giocare si possono osservare comportamenti aggressivi, dominanti e sottomessi che vengono mimanti per puro scopo giocoso, infatti non sono pericolosi (mai sentito la differenza tra ringhio del gioco e ringhio serio?) Vediamo spesso il cane più grande buttarsi a pancia in aria (sottomissione) e il cucciolo in alto a dominarlo. Vedremo fauci spalancate, ruotate e balzi, chi si attacca alla gola e chi scappa. Fin qui niente di strano. Ma il gioco spesso nasconde una vera prova di forza e dominanza. Accade soprattutto durante il tiro alla fune, quando due soggetti si contestano un pazzo, un giocattolo o altro. Quello dominante farà di tutto per vincere, anche contro gli umani.
In questo gioco diventa fondamentale per noi fargli capire che siamo più forti di lui. Quindi tiriamo pure con gioco, ma a un certo punto vinciamo noi e non diamoli il giocattolo fino a quando vorremmo giocare di nuovo (noi, non lui, decidiamo noi anche quando si gioca e quando si smette). Dopo un paio di nostre vittorie, facciamo vincere anche lui perché essere sottomesso è un conto, ma umiliato no.

Questi comportamenti sono quelli più accentuati, ma altri piccoli segnali ci mettono in cattiva luce ai suoi occhi. Tra questi il fatto che lui viene accontentato tutte le volte che chiede. Non caschiamoci, ignoriamolo e basta. Di solito lasciamo che il cane attraversi per primo le porte e invece dovrebbe seguirci, richiamiamolo e non usciamo fino a quando non sta dietro a noi, anche durante il passaggio attraverso la porta. Altro segnale di nostra dominanza è guardarlo fisso negli occhi, se lui abbassa lo sguardo allora ci siamo, ma se vi fissa a sua volta senza distogliere lo sguardo vuol dire che ci sta sfidando. In questi casi lasciate perdere la sfida degli sguardi perché rischiate di farvi azzannare e piuttosto occupatevi degli altri punti che vanno risolti prima.

Insomma come avete certamente notato la nostra forza e dominanza non è mai messa sul piano fisico. Non bisogna mai alzargli le mani, come vuole la credenza popolare, per dimostrargli la nostra forza. In realtà si sortisce l’effetto contrario. Quando in un branco un membro viene aggredito, qualsiasi sia il motivo, costui ha due possibilità: essere ucciso o allontanarsi. Per allontanamento s’intende “fuori dal branco” e il cane in questione si ritrova solo. Quando noi alziamo le mani al nostro cane lui capisce di aver fatto qualcosa di sbagliato (ma cosa non lo sa) e pensa che noi lo stiamo buttando dal branco. Purtroppo non può scappare, essendo chiuso in casa, recinto, giardino, cuccia e aumenta il suo disagio. Non mettiamolo in queste condizioni, sarebbe una vera tortura psicologica per lui.

A me è capitato comunque di dover mostrarmi forte fisicamente con un husky abbastanza dominante. Non ho alzato le mani, ovviamente. Dato che l’husky in questione mi è stato affidato già adulto e non ho mai saputo da dove venisse, come fosse stato educato e come si comportava, tutt’ora ho delle difficoltà con lui perché tende a mettermi sempre in discussione con piccole sfide quasi impercettibili.
Quando viene liberato e scorazza libero nel giardino, rimane con il collare. Finita l’ora della libertà, che in genere è un intero pomeriggio o mattina, lo vado a prendere. Quando dimentico il guinzaglio lo prendo dal collare per portarlo alla sua cuccia. Attenzione però: non lo tiro, mi serve solo tenerlo perché il furbacchione sa che deve andare a nanna e comincia a scappare. In questi momenti capita che lui giri la testa, spalanca la bocca e fa “finta” di mordermi il braccio. Dico finta perché mi sfiora con i denti, ma è tutta una scena per intimidirmi. Ebbene quando lo fa io lo ignoro e lo conduco comunque a casa. Invece il mio ragazzo si è spesso spaventato dimostrandogli così di essere un debole e guarda caso nella gerarchia lui è sotto all’husky in questione.

Momenti simili capitano quando nei paraggi c’è una femmina in calore. Sono le uniche occasioni in cui lo stesso husky ha mostrato aggressività, dovuta più al nervosismo. Ebbene se mi fossi dimostrata impaurita gli avrei fatto capire di essere una debole e quindi incapace di proteggerlo.

Riassumendo:
-Stabilire l’orario dei pasti e rispettarlo gli farà capire che voi gestite il cibo e lo sapete fare se siete coerenti.

-Non lasciarsi intimidire, ma saper affrontare determinate situazioni senza ricorrere alla forza, se mai alla fermezza delle parole (come il no o semplicemente ignorandolo) vi dimostrerete forti e capaci di affrontare situazioni di pericolo.

-Iniziando voi il gioco e decidendo anche quando finirlo gli farà capire che siete voi a prendere le decisioni che spettano al capobranco. Vincendo al tiro della fune dimostrerete la vostra forza fisica.

-Ignorando le sue richieste (cibo, coccole, gioco) e dargli quello che vuole nei momenti in cui non se l’aspetta (cioè quando non li chiede) permetterà al cane di capire che siete voi a decidere tutto e non lui.

-Passare per primo dalle porte, per uscire o svoltare gli angoli delle strade prima del cane sono tutti atteggiamenti da capobranco. Se li fa lui è ovvio che comincerà a sentirsi tale.

-Dargli comandi come seduto, zampa e terra vi aiuterà nella missione di sottometterlo.

-Un cucciolo educato fin dall’inizio nel modo giusto difficilmente ci metterà mai in discussione.

Con questo penso di aver finito anche se, immagino, di aver dimenticato tantissime cose.

21 commenti:

  1. Ciao!! Complimenti vivissimi per questo sito!! È stupendo!! Conosci moltissime cose sui cani, si nota da come ne parli e da come dai i tuoi consigli.. Sto imparando moltissime cose da quando sono capitata a leggere tutti questi articoli... Ancora complimenti!! Ti volevo fare una domanda.. Abbiamo preso con la mia famiglia da poco una cucciola di husky.. Stiamo già seguendo alcune regole che tu stessa hai detto... Le insegnamo a non tirare al guinzaglio, mangia sempre dopo di noi.. E già ha imparato Seduta Terra e Zampa. È sempre tranquilla se non la consideriamo, solo che mentre gioca morde di continuo...morde mani maglie e pantaloni.. E se la brontoli continua lo stesso fino a che non la distrai con un giocattolo. È segno di forte dominanza? Come possiamo fare? Mentre gioca non ti puoi permettere di toccarla sennò ti azzanna.. Si rigira di scatto e fa anche male certe volte con quei denti appuntiti. Come le dobbiamo insegnarle di smettere?grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  2. Ciao Giulia grazie mille per i complimenti.
    Il gioco della tua cucciola non dipende dalla dominanza ma perché è stata tolta da mamma e fratelli troppo presto (prima dei due mesi di vita). Così non ha avuto tempo di capire come giocare senza far male agli altri, cani o persone.
    A questo punto dovete evitare in tutti i modi di farvi mordere. Ogni volta che apre bocca dite subito no e smettete di giocare con lei. Con i fratelli avrebbe capito in quanto il cucciolo guaisce quando si fa male, bene prova a fare lo stesso verso quando ti morde. La cosa migliore sarebbe avere un amico a quattro zampe che la rimetta in riga. Magari un cane di qualche conoscente che sia paziente con i cuccioli (anche se una ringhiata non le farebbe male), a patto che non sia aggressivo.
    Portatela spesso in giro a conoscere altri suoi simili così saranno loro a fare da maestri.
    Se non capisce adesso che fa male, fidati che lo farà anche da adulta e non va bene. Ho scritto un articolo a proposito di questo argomento, è questo: http://ricerca-del-siberianhusky.blogspot.com/2011/06/il-cucciolo-morde-per-giocare.html?m=0

    RispondiElimina
  3. Eh infatti ce l'hanno consegnata una settimana prima del compimento dei due mesi! Noi cerchiamo sempre di non farci mordicchiare...e se esagera fermiamo il gioco e ce ne andiamo... Continuando così smetterà? Per la socializzazzione appena finiti i vaccini la portiamo subito in giro!!;)

    RispondiElimina
  4. Non posso assicurarti che smetterà solo così perché i miei hanno sempre trovato quelli più grandi quindi hanno fatto tutto loro, maestri e novellini :P però sarà comunque un buon passo avanti. Quando poi la cucciola conoscerà altri cani grazie alla socializzazione penso che lì potrà capire davvero come si gioca, basta che gli diate questa possibilità e complimenti per i risultati già ottenuti! :)

    RispondiElimina
  5. capito... grazie mille!
    (se vuoi cliccando sul nome puoi vedere la mia piccola! )
    grazie ancora! ciao

    RispondiElimina
  6. Ciao Taigra, ho letto diverse volte che un buon capobranco non è mai aggressivo, ma sempre calmo e paziente.

    Ma come possiamo far capire a un cucciolo che una regola non va trasgredita? Se la regola è chiara e stabilita e il cucciolo di volta in volta inizia ad essere disubbidiente, un buon capobranco cosa dovrebbe fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano :)
      Deve rimanere coerente. Per esempio se la pappa è stabilita per mezzogiorno, ma il cane te lo cerca prima anche insistendo, tu non devi cedere e mantenere l'orario.
      Dovresti farmi un esempio se ti riferisci a una situazione particolare.

      Elimina
  7. ad esempio il cane vuole salire sul divano... sa che non può, però ci prova 20 volte al giorno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, beh cerca di non perdere la pazienza (anche se è difficile). Insegna il seduto al cucciolo. Quando sei sul divano e lui cerca di salire digli seduto e dai bocconcino. Ogni volta che cerca di salire sul divano devi dire no e spingerlo via, ogni volta che si siede a terra (vuoi per attesa, vuoi perché sfinito), insomma ogni volta che smette di tentare, subito bocconcino e "bravo". Ci sarà un po' da lavorare ma se insisti vedrai che capirà (devi solo mostrarti più testardo di lui) fammi sapere se funziona. Se mi viene altro in mente ti aggiorno.

      Elimina
    2. Si infatti cosi faccio, ogni giorno. Hanno una bella testa dura ;p grazie

      Elimina
  8. la mia caprusky ha capito che se sale sul divano, se poi scende e si comporta bene avrà il bocconcino, quindi quando vuole qualcosa automaticamente sale sul divano per poi scendere!!!!

    RispondiElimina
  9. altre volte (e qui non capisco il perché) di punto in bianco, va è mangia un tavolino basso in legno (sa che è vietato) e mi guarda con quella faccia tipo: guardami, sto facendo una cosa sbagliata ma non mi interessa!! Mi viene da ridere veramente quando fa quell'espressione, però trattendo e la sgrido, lei molla subito e inizia a ringhiare correndo per tutta la casa come una pazza scatenata, ma che significa quando fa cosi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora per il divano è una vera furbacchiona, non la considerare quando fa così. Non le dare proprio nulla se ha "preteso" il bocconcino anzi di averlo all'improvviso.

      Per il tavolino quando corre in quel modo fa la "buffona" cioè cerca di non farti arrabbiare e si diverte nel frattempo xD è tipico di loro!

      Elimina
  10. si è furba, considera che gli ho fatto capire che non deve mangiare un tappeto, allora lei si prende il suo osso di pelle di bufalo e va nel tappeto a mangiarlo, poi inizia a mangiare il tappeto e appena io la guardo riprende subito con l'osso, appena mi giro, nuovamente tappeto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah è assurda!!
      Beh cerca di non farla stare neanche nel tappeto! Comunque stai attento che per distruggere una casa sono i migliori :(

      Elimina
    2. si purtroppo hai ragione xD

      Praticamente qualche settimana fa mia madre gli ha gridato forte e la spinta perchè continuava a mangiare un divano... niente di estremo eh, però da quel giorno e come se il cane ha perso fiducia in mia mamma e non la rispetta più, ha smesso di ascoltarla in tutto, anzi la sfida pure.

      Finchè ci sono io, tutto ok, si comporta bene (relativamente ad un husky sia chiaro) cerca sempre di fare come dice lei, però basta uno sguardo o un bel NO! e smette immediatamente.

      Appena me ne vado io, da quando mia mamma gli ha gridato ora lei diventa capobranco, inizia a fare quello che vuole, mangia i tavolini bassi, i mobili, i tappeti, il divano l'ha bucato, vuole distruggere una casa e se qualcuno si avvicina a dirgli qualcosa, fa pure un ringhio, tipo "non ti permettere a dirmi cosa devo fare"!! Non bisogna MAI e poi mai perdere la pazienza con loro, te la fanno pagare cara!!

      Elimina
    3. ahahahah mi dispiace per tua mamma ma purtroppo succede sempre così :(
      Beh adesso tua mamma dovrebbe riconquistare la fiducia e speriamo che ci riesca :)

      Elimina
  11. Ciao! :) prima di tutto complimenti x il tuo bellissimo blog :)) Vorrei chiederti una delucidazione, se possibile...;) In qsto post hai scritto ke nn deve essere il nostro cane a cercare le nostre coccole, ma dobbiamo essere noi a dargliele qndo meno se lo aspetta...in un altro post però dicevi ke nn dobbiamo stargli addosso e dobbiamo lasciare ke venga lui da noi x le coccole...;) Qual è l'atteggiamento giusto?? mi è sfuggito qlcosa?! Grazie mille in anticipo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ci deve essere un equilibrio. Non dobbiamo essere appiccicosi così come non lo è l'husky in generale. Nel branco è difficile notare il capobranco fare le coccole agli altri, ma in genere li riceve con piacere. Così noi è giusto che lo facciamo quando meno se lo aspetta, ma non con insistenza e lasciare che venga lui stesso, anche qui senza esagerare. Spero che sia chiaro :)

      Elimina
  12. Ciao! che bel blog, è da un po' che leggo i tuoi articoli e sono davvero molto interessanti! ma vorrei chiederti un consiglio rispetto ai pasti. io non ho mai avuto un cane e l'anno prossimo avrei intenzione di prendere un husky; ma ho già due gatti in casa e di solito loro mangiano sempre prima della mia famiglia. quindi volevo chiederti se in futuro quando avrò il cane i gatti mangeranno per primi, sia prima di noi che prima di lui, il cane potrebbe diventare geloso e ringhiare contro i gatti?
    Grazie in anticipo!
    Dile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie.
      Dipende da come lo abitui :) potresti farli mangiare anche insieme stando attenti a dare la ciotola nell'ordine giusto. Se sarà un cucciolo tranquillo si potrebbe continuare con prima i gatti, altrimenti no. Per i gatti non so se ha importanza la pappa per la discussione branco, ne dubito.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Condividi: