Cerca altre notizie di husky nel web:

mercoledì 30 gennaio 2013

Condotta al guinzaglio, consigli.

A seguito del sondaggio sui nostri fallimenti nell’insegnare qualcosa ai nostri husky risulta che la condotta al guinzaglio ci mette un po’ tutti in difficoltà. Nonostante abbia già suggerito qualcosa nell’articolo precedente (link), penso sia necessario aggiungere qualche altro espedimento.


I cuccioli ce la fanno, gli adulti no.
La prima cosa che dovete sapere è che la condotta va insegnata in tenera età. Già a tre mesi potete portare fuori il cucciolo, a patto che abbia completato i vaccini. In verità è qui che si lanciano le basi del fallimento. Infatti il cucciolo essendo piccolo non tirerà per niente. Da un lato perché fa fatica a tenere il vostro passo, dall’altro perché tende a curiosare e giocare. Crescendo l’husky si allunga e il suo passo risulta molto superiore al nostro, così che siamo noi a non tenere il passo con lui. Inoltre l’adulto tende  a esplorare, ma anche a marcare il territorio.

Il primo grande errore è pensare che se il cucciolo non tira non tirerà neanche da grande. Invece da grande tira eccome. L’età critica parte dai quattro mesi in su, dipende dal soggetto, quando cresce e soprattutto quando inizia l’età della ribellione, quella che noi chiamiamo adolescenza.

Per tanto il primo errore da non commettere mai è dare per scontato che il nostro cane sia bravo al guinzaglio prima del tempo. Dovete continuare a educarlo al guinzaglio con costanza, anche se è bravo.

Se mi tiri io tiro.
Altro errore banale, ma essenziale è quello di tirare indietro il cane che sta tirando in avanti. Non fatelo. Pensate a cosa fareste voi se vi tirassero un braccio con forza, non lo ritirate con altrettanta forza? Il cane fa lo stesso. L’accorgimento da fare è semplice. Quando il cane tira voi vi fermate. Fate finta di essere un palo a cui lui è legato. Può muoversi per la lunghezza del guinzaglio ma è inutile tirare perché tanto non si muove il palo/padrone.

Quindi durante la passeggiata appena il cane tira, io mi fermo e aspetto che smette di tirare. Appena il guinzaglio non è più in tensione, proseguo. Ci vorrà parecchia pazienza con questo esercizio, potreste finire per stare un’ora a compiere cinque metri. Se però il cane capisce smetterà di tirare e aspetterà che voi camminiate con lui.

Ho notato un piccolo accorgimento per abituare il cane a smettere di tirare se mi fermo, è quello di abituare il cane a stare legato. Da me spesso è necessario che durante le ore libere debba legare qualcuno che ha tendenza alla fuga solo per il tempo che pulisco i box. Ebbene proprio quello che conosce la catena è anche quello che ha smesso di tirare durante le passeggiate. Sa che è inutile tirare un palo, anche se in quel caso sono io a spacciarmi per tale!

Bocconcini e premi.
Altro trucco è quello di richiamare il cane nel momento in cui tira e dargli un bocconcino appena torna accanto a voi. I primi tempi lo si fa spesso, poi sempre meno. Potete utilizzare la tecnica del palo insieme al bocconcino, anche in modo alternato. Qui sarebbe utile insegnare al cane il comando “accanto o piede” così che diate il premio quando sta al vostro fianco.

Ma la passeggiata è per lui
Se volete che il cane vi cammini al fianco come se foste in una gara di obbedience perdeteci la speranza. La passeggiata è per lui, quindi sì, deve fare i suoi bisogni, il territorio, esplorazione. Lasciate che lo faccia, a patto che siate voi a decidere la direzione e non lui. Quando si ferma a fare la qualsiasi, aspettate pazientemente fino a quando finisce. Rimanete però rivolti verso la direzione che avete scelto.

Troppa foga, troppe energie
Capita spesso che il cane sia frenetico inizialmente e poi si calma e risulta più facile da gestire. Ovvio che abbia molta foga preso dall’entusiasmo di uscire. In questi casi potremmo farlo sfogare prima della passeggiata, se per esempio avete un giardino. Oppure provate a fare una corsetta con lui per i primi minuti e poi passeggiare normalmente. Spero di non chiedervi troppo, ma l’husky non è un cane per pigri, quindi muovetevi il sedere!

Il Materiale
Cosa usare per le passeggiate? Il collare lo consiglio al cane che tira poco o niente. Il collare a strozzo non è uno strumento educativo quindi lasciatelo perdere (serve solo in esposizioni dove i cani sono educati a non tirare e non si fanno male). La pettorina va bene, quella svedese è consigliata da molti in quanto non strofina contro la pelle del cane. Consiglio un guinzaglio lungo, specie se non siete in città. Più libertà ha il cane di muoversi, meno avrà l’esigenza di tirare.

Ma in esposizione non tirano!
Vi spiego un attimo perché i cani che frequentano le esposizioni non tirano. Per cominciare vengono abituati fin da piccoli, io li educo appena presi, a stare fermi, a farsi toelettare sul tavolo e fare un trotto corretto (la corsetta come i cavalli). Nel trotto il cane non deve correre e neanche passeggiare, deve fare un trotto perfetto. Colui che presenta il cane si adegua al suo passo e per farlo deve correre. Il cane educato a fare il trotto non tirerà per correre e sa già che quel momento per lui è lavoro, non passeggiata. Vi garantisco che i miei cani da esposizione, così perfetti nel ring, tirano come trattori appena escono!

Tutto dipende da voi!
Qualsiasi tecnica utilizziate dovete ricordarvi che:
-Non dovete parlare. Dovete comunicare con il corpo. Stare ben eretti e sicuri di voi. Non lo rimproverate, non lo richiamate, non fate niente. Ricordatevi di tenere la posizione verso la direzione che avete scelto.

-Non perdete la pazienza. L’husky è un cane molto cocciuto e voi dovete esserlo di più. Se tira anche se fate il “palo” tenete duro. Prima o poi capirà. I risultati non arrivano subito quindi non pretendete molto all’inizio.

-Dovete essere coerenti. Se avete deciso di usare una tecnica, applicatela sempre, tutti i giorni e tutte le uscite. Se cambiate, il cane non riceverà alcun segnale e le vostre fatiche andranno sprecate.

-Non sempre la colpa è la vostra. Sono proprio gli husky decisamente cocciuti. Provate a insegnare la condotta a un cane diverso, io ci sono riuscita con un meticcio in un’unica passeggiata di quindici minuti. Il che mi fa pensare che so cosa fare, ma con l’husky i quindici minuti diventano quindici mesi!

10 commenti:

  1. è un blog utilissimo. adoro questa razza, infatti sto convincendo i miei a lasciarmi il permesso di andare a vedere un allevamento in quanto sono intenzionata ad avere una cucciola! all'inizio, non nego, che volevo un maschietto essendo più "massiccio" ma leggendo un tuo post ci ho rinunciato, optando per una cucciola essendo alle prime armi con i siberian husky! il suo nome sarà Kim molto probabilmente o Maya :D conosci l'allevamento a padova chiamato Baykal? è serio? e quello a vicenza chiamato Winningways? vorrei un tuo parere personale! visto che comunque ci vuole quasi un'ora per arrivarci a entrambi gli allevamenti, la cucciolotta posso tenerla in braccio facendole le coccole in modo da tranquilizzarla o è meglio in un traversino? se conosci allevamenti in veneto di Alaskan Malamute me li puoi scegnalare? mi scuso per tutte queste domande :) aspetto presto una tua risposta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh per gli allevamenti contattami in privato e ne parliamo :) Per gli Alaskan Malamute non conosco gli allevamenti se non qualcuno che viene nominato spesso. Per la traversata ne ho già parlato nella rubrica "arriva il cucciolo" qui: http://ricerca-del-siberianhusky.blogspot.it/search/label/Arriva%20il%20cucciolo

      Elimina
    2. Ciao Taigra;)ho letto qualcosa e ho visto che 6 molto preparato in materia..io ho già un siberiano di quasi un anno..ne vorrei prendere un'altro qiiba breve..magari la femmina..posso avere qualchebtuo consiglio anche x quanto riguarda gli allevamenti..perchè questa vorrei che provenisse da una famiglia di espositori..o comunque di una buona generazione!!il mio numero è 3402745748..spero di avere tue notizie..sono seriamente interessato...a presto..ciao ciao;)

      Elimina
    3. Ciao, qui in alto c'è il link per allevamenti degli husky, che sarebbe l'altro blog, dai un'occhiata e chiedi informazione agli allevatori stessi :) http://siberianhusky-kennel.blogspot.it/

      Elimina
  2. grazie mille ho letto già quell'articolo!! :) come ti ho già detto nella risposta al tuo commento nel link "Alaskan Malamute" ti mando un'e-mail!!
    grazie per il tuo tempo, ciao :)

    RispondiElimina
  3. Ciao! volevo condividere con te una cosa che vedo spesso e che un po mi "spaventa". A volte quando passeggio vedo proprietari di pastore tedesco che con un guinzaglio a catena, durante le passeggiate, tengo il cane vicinissimo a sè senza dargli spazio per muoversi. e il cane se ne sta li buono buono vicino a lui e non si sogna di tirare! Ma questo casa vuol dire? che hanno educato benissimo il loro cane o che è un cane semplice da addestrare a rimanere vicino al padrone? se li tengono così vicini poi sembra sia perché il cane sia "aggressivo"... ma se la passeggiata è per il cane è giusto condurlo così al guinzaglio?
    spero tu possa rispondere ai mie dubbi!
    Grazie, Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, la penso come te.
      Se devo passeggiare il mio cane devo anche dargli la possibilità di godersela. La passeggiata non è come per noi, fare due passi, ma annusare, guardare e perché no, fare i propri bisogni. Certo in presenza di altra gente, meglio non dare fastidio e lo si avvicina, ma tenerlo attaccato alla gamba non ha senso.
      Il pastore tedesco è un cane molto ubbidiente e non ci sta niente ad accontentare il padrone anche se non ne ha voglia. L'husky è un cane che se non vede un motivo per fare ciò, non lo fa. Quindi non lo farebbe comunque :)

      Elimina
  4. Ciao! interessantissimo blog, complimenti! Avrei una domanda riguardo alla condotta al guinzaglio... è indifferente con quale mano lo si regge? perché mi sembra di aver letto, non ricordo dove, che chi è destro è meglio che tenga il guinzaglio con la sinistra, mentre chi è mancino lo deve tenere con la destra. è vera questa cosa?
    Grazie! Dile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cane dovrebbe essere tenuto sul lato del marciapiede, in teoria. Non penso che debba essere una regola fissa, dipende dalle nostre abitudini. Il cane va portato però sulla sinistra nei ring delle sfilate ufficiali, perché il giro che deve compiere a trotto è in senso antiorario, se il conduttore portasse il cane sulla destra finirebbe per nascondere la visuale del cane stesso trovandosi tra giudice e cane (invece dal centro le posizioni sono: giudice, cane, conduttore).

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Condividi: